Chi Siamo - La Residenza di Campagna

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi Siamo

SAN ATTO DI TERAMO - Si chiama "Antonio e Davide - residenza di campagna".
   E' l'ultima creazione del grande chef teramano Domenico Sciamanna che, assieme alla propria consorte Zena e ai figli Antonio e Davide, dirige l'interessante ritrovo culinario situato a Chiareto, una frazioncina di di campagna, in territorio di Bellante: un elegante locale impreziosito dalla stupenda vista del Gran Sasso d'Italia e dei Monti Gemelli.
  Dopo un lungo apprendistato, iniziato 37 anni or sono come 'sguattero' di cucina presso il ristorante 'La Taverna' di Giulianova, sotto la guida di don Michele, Domenico Sciamanna ha frequentato. giovanissimo, le scuole alberghiere di Villa Santa Maria, cittadina meglio conosciuta come la "patria dei cuochi", Stresa e Giulianova Lido. Un prezioso sapere che ha sperimentato con successo il periodo estivo, in riva all'Adriatico, a Giulianova Lido, nell'Hotel-ristorante 'Don Juan' e al 'Torrione'.
 Con Domenico Sciamanna la cucina si trasforma, a detta dei migliori palati fini, in ricerca incessante di nuovi sapori e idee. E' uno chef che crea i piatti in primo luogo nella sua testa e, in seguito, nella cucina. Ed ecco, allora, che il suo desiderio di conoscere e sperimentare tecniche e sapori diversi lo porta in giro nei migliori ristoranti d'Europa, arrivando, e scusate se è poco, persino nella lontana Tapei. Una esperienza vissuta con grande passione e amore che, nel lontano 1986, lo vede tornare a Teramo, la sua adorata città natale, per condurre il ristorante 'Samovar'. Ed ancora, il 'Quattro ruote, la Bancarella e il Giardino, prima di un nuovo tour di aggiornamento professionale in Italia e all'estero, esattamente, a Parigi, Monaco e in Lussemburgo, sempre in hotel-ristoranti di quattro e cinque stelle. Una volta tornato in 'patria', precisamente in Abruzzo, Domenico Sciamanna, più volte premiato in importanti concorsi gastranomici (l'ultimo la palma del migliore lo ha ricevuto dalle mani del 'decano' dei cuochi di Villa Santa Maria Antonio Stanziani, riparte dall'Hotel-ristorante 'Serena Majestic, a Montesilvano, della catena 'Blù hotel'.
   E, quindi, dopo tanto peregrinare, oggi, Domenico Sciamanna ha deciso di 'fermarsi' nella ubertosa campagna di Chiareto, con i suoi prediletti figli, precisamente, Antonio e Davide. Qui, il simpatico ed esperto Domenico Sciamanna, affiancato dalla sua giovane famiglia, perfeziona leccornie lasciando su ogni piatto un'autentica 'griffe'. Ogni mattina, tranne la domenica e il lunedì, si reca personalmente al mercato del pesce in quel di San Benedetto del Tronto dove 'seleziona' personalmente il pescato e le ostriche migliori.
  "Il successo di un piatto _ puntualizza lo chef teramano _ dipende dalla qualità dei relativi ingredienti". Sempre attento agli sviluppi naturali della moderna gastronomia, nel mondo tiene, però, ben salde le sue radici nella cultura mediterranea. Il menù è legato alla stagionalità e reperibilità dei prodotti, sempre di primissimo ordine. Per Sciamanna quello che distingue l'alta cucina dalle altre è, oltre alla bontà del cibo, l'attenzione assoluta al minimo particolare. Egli, inoltre, è un esperto anche in cantina e, di conseguenza, segue direttamente la scelta dei vini che riposano in un ambiente climatizzato. Ed ancora propone quanto di meglio l'enologia italiana offra. Un particolare risalto, ovviamente, viene dato ai vini abruzzesi.
  Domenico Sciamanna, e non potrebbe essere altrimenti, visto il suo 'pesante' curriculum (tra le sue tante amicizie annovera anche chef di assoluto valore, quali, Vissani, Marcattilii (San Domenico di Imola) e il 'patron' del ristorante 'Fortunato al Phanteon' di Roma.   "Vengo dalla terra della buona tavola _ tiene a precisare il buon Domenico _ e voglio continuare a mantenere questa fama. Nella mia cucina non c'è posto a prodotti realizzati su scala industriale. E, il pesce, ovviamente fresco, sarà presente, tranne il lunedì per turno di riposo, sui tavoli del mio nuovo eremo ..."
Serafino Di Monte
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu